Ti trovi in:

Per il tuo personale

Modalità di assunzione Enti Pubblici

Anche le Pubbliche Amministrazioni e gli Enti Pubblici non economici sono tenuti ad adeguarsi all'obbligo di assunzione di persone appartenenti alle categorie protette.
Al fine dell'adempimento dell'obbligo possono ricorrere alle seguenti modalità:

  • Chiamata numerica
  • Riserva nei concorsi
  • Chiamata nominativa mediante convenzione

Avviamento numerico per chiamata con avviso pubblico
 
La chiamata numerica degli iscritti nelle liste dell'Ufficio per il collocamento mirato, ai sensi dell'art. 7 comma 2 del DPR 333/00, art. 7 comma 2 della Legge 68/99 e dell'art. 35 comma 1 lettera b e comma 2) del D. Lgs.165/01, è tuttora possibile per gli enti pubblici.  

È prevista limitatamente alla copertura di posti corrispondenti alle categorie A e B1 (ex qualifiche 3^ e 4^, per l'accesso alle quali non è previsto il concorso pubblico e per le quali è richiesto il requisito della scuola dell’obbligo) e si effettua presentando richiesta, per le unità da inserire, direttamente al Servizio Inserimento Lavorativo Disabili della Provincia, specificando la qualifica richiesta e la tipologia del contratto individuale. 

La Giunta della Regione Emilia Romagna con Deliberazione 1965 del 27/12/2006 ha approvato la procedura con cui viene modificato il sistema degli avviamenti numerici delle persone disabili e delle categorie protette presso Enti Pubblici ed Imprese private, stabilendo, con Deliberazione 1965 del 27/12/2006 che, a partire dall’anno 2007, non vengano più formate le graduatorie provinciali annuali degli iscritti alle liste della L.68/99, ma graduatorie specifiche per singole occasioni di lavoro.

Tale modalità prevede la pubblicazione, nei mesi di ottobre e maggio (*), dei posti di lavoro disponibili per avviamenti numerici presso gli enti della Provincia e le aziende e la presentazione, da parte dei soggetti interessati, della propria candidatura sulle singole offerte di lavoro. 
 
(*) L'Amministrazione si riserva di pubblicare offerte di lavoro anche in periodi dell'anno diversi.

 
Chi può candidarsi

Disabili e categorie protette iscritti alle liste della L.68/99, disponibili al lavoro, con esclusione dei disabili psichici, in quanto, ai sensi dell’art.9, comma 4, L.68/99, possono essere avviati solo su richiesta nominativa mediante convenzioni. 

Come consultare le offerte di lavoro
L’elenco dei posti disponibili per ciascuna chiamata sarà pubblicato il 1° mercoledì dei mesi sopraindicati (ottobre e maggio)con le seguenti modalità:
  • Pubblicazione sul sito internet della Provincia di Parma
  • Affissione presso il Servizio Inserimento Lavorativo Disabili (SILD), Via Nervesa, 1 - Parma
  • Affissione presso i Centri per l'Impiego della Provincia
  • Pubblicazione sull’Albo Pretorio. 
Come fare per partecipare

A partire dal giorno della pubblicazione (1° mercoledì di ciascuno dei mesi sopraindicati) e fino alla rispettiva scadenza (3° mercoledì di ciascuno dei mesi sopraindicati), i soggetti interessati possono presentare la propria candidatura utilizzando il modulo in allegato disponibile anche presso il SILD e i Centri per L’impiego provinciali. 

È possibile candidarsi anche a più offerte di lavoro pubblicizzate, elencandole in ordine di preferenza, purché coerenti e compatibili con il proprio profilo professionale e competenze possedute.

In tale modulo sarà necessario indicare il numero corrispondente all’offerta prescelta, la mansione e la sede.

Il modulo di candidatura dovrà pervenire entro le ore 12.00 del 3° mercoledì del mese di pubblicazione (ottobre /maggio) tramite:
  • Consegna, anche a mezzo di persona delegata, al Servizio Inserimento Lavorativo Disabili – Via Nervesa,1 – 43100 Parma – lun. 8.30-12.00 / 15.00-17.00, mart. – merc. – ven. 8.30-12.00, gio. 8.30-17.00  (qualora la domanda non sia sottoscritta dinanzi all’operatore addetto a riceverla occorre allegare copia fotostatica di un documento d’identità)
  • Invio a mezzo fax al numero 0521/931412 (unitamente a copia fotostatica di un documento d’identità)
  • Invio a mezzo posta (unitamente a copia fotostatica di un documento d’identità) all’indirizzo:Provincia di Parma - Servizio Inserimento Lavorativo Disabili - Via Nervesa,1 43100 Parma. 

Si ricorda che, qualora la trasmissione avvenga a mezzo posta, la candidatura deve pervenire entro il termine indicato (3° mercoledì del mese di pubblicazione) e che non fa fede il timbro postale.

Il Servizio Inserimento lavorativo Disabili sulla base delle candidature ricevute, nel rispetto dell’ordine di graduatorie specifiche formate per ogni offerta di lavoro e tenuto conto della compatibilità delle mansioni avvia un numero di lavoratori disabili pari a quello richiesto dall’Ente.

L’avviamento avviene, previo espletamento da parte del datore di lavoro, di prove selettive e previa verifica da parte dello stesso, della compatibilità dell'invalidità con le mansioni da svolgere.

Qualora le verifiche sopradette diano esito negativo, l’Ente dovrà ripresentare domanda di avviamento al Servizio.

 
Riserva nei concorsi
Per le assunzioni tramite concorso (ai sensi dell'art. 35 comma 1 lettera A e comma 2, D. Lgs.165/01), nel caso l'ente sia obbligato all'assunzione di persone disabili, i disabili partecipanti alla procedura selettiva hanno diritto alla riserva dei posti nella misura del 50% dei posti messi a concorso.

I bandi di concorso devono prevedere speciali modalità di svolgimento delle prove di esame, per consentire ai disabili di concorrere in condizione di parità con gli altri candidati.

I disabili che abbiano conseguito l'idoneità nei concorsi pubblici possono essere assunti, ai fini dell'adempimento dell'obbligo, anche se non versino in stato di disoccupazione ed oltre il limite dei posti ad essi riservati nei concorsi.
 
Chiamata nominativa mediante convenzione
La l.68/99, in deroga a quanto previsto  dall’art. 36, comma 2, del decreto legislativo n. 29/93, come modificato dall’art. 22, comma 1, del decreto legislativo n. 80/98, sulle modalità di assunzione nei pubblici impieghi, all’art.7 comma 2 prevede la possibilità, per i datori di lavoro pubblici, di assunzioni con chiamata nominativa, a seguito di selezione pubblica o di avviso pubblico di chiamata, dei soggetti disabili solo nell’ambito delle Convenzioni  stipulate ai sensi dell’art. 11.

Le assunzioni oggetto della Convenzione possono riferirsi esclusivamente a profili professionali per il cui accesso è previsto il requisito della scuola dell’obbligo.

L’Ente quindi avvia il procedimento per l’effettuazione della selezione pubblica, nel rispetto dei criteri di trasparenza e delle modalità esplicitate nella convenzione, con conseguente definizione della graduatoria dei candidati.
 

Trattandosi di una selezione pubblica, ciascun Ente pubblico individua nella propria autonomia le prove selettive e attitudinali a cui sottoporre i candidati, al fine di determinare l’idoneità degli stessi alla mansione disponibile descritta nella convenzione.

La stipula della Convenzione permette agli Enti Pubblici, come agli altri datori di lavoro, di beneficiare di una serie di facilitazioni:
  • la gradualità della copertura della quota d'obbligo
  • l'assolvimento immediato dell'obbligo
  • la facoltà di determinare criteri qualitativi discrezionali per l'individuazione dei lavoratori disabili da assumere
L’Ente, pertanto, nel formulare la convenzione per l’assunzione nominativa, dovrà indicare:
  • il profilo professionale da ricoprire
  • gli ulteriori criteri per la selezione (es. appartenenza ad uno specifico ambito territoriale; percentuale di disabilità; inserimento nella struttura a seguito di “borsa lavoro” ecc.);
  • lo specifico impegno a rendere trasparenti ai partecipanti i criteri adottati nella selezione.
ProprietÓ dell'articolo
creato: venerdý 4 giugno 2004
modificato: giovedý 22 novembre 2007